COMUNICAZIONI DEL SINDACO – Aggiornamento coronavirus – COVID-19

Buongiorno,
leggo alcuni commenti che sollecitano informazioni riguardo alla situazione coronavirus e sebbene non trovi molte news su siti analoghi (la nostra pagina, sul sito istituzionale e Pagina Facebook, mi pare si aggiorni con maggiore frequenza rispetto ad altri) cercherò di approfondire l’argomento e l’operato dell’amministrazione con l’attenzione richiesta.
Premetto che dal 1° aprile ad oggi, 29, sono stati pubblicate n. 31 notizie su Fb ed eccetto quella riguardante i soli auguri pasquali, tutte le altre hanno avuto carattere informativo e divulgativo (invito ancora alla lettura dei messaggi sul 25 aprile per chi gradisce l’argomento, abbondante magari, ma per me significativo) con un numero corrispondente di 41.952 contatti (mai doppi per persona sullo stesso argomento) registrati e verificati; significa che mediamente l’amministrazione comunale rende disponibile nuova informazione ogni giorno a 1.446 persone.
Detto ciò, che mi pare importante sottolineare per evidenziare uno sforzo significativo e non scontato, riporto per sommi capi la situazione ad oggi.
Dalla piattaforma riservata ai Comuni, ai medici famiglia e ai sanitari, fornita dal SISP (Servizio di Igiene e Sanità Pubblica), si sono evidenziati ad oggi poco meno di 60 nominativi che hanno avuto contatto con il coronavirus. Molti di questi sono stati registrati in quarantena cautelativa per il genere di attività svolta (sanitari), altri perché rientrati dall’estero (quarantena volontaria); al momento sono registrati 7 soggetti positivi, di cui 2 non residenti. Questi dati sono molto parziali e non rispecchiano correttamente la situazione per alcune incongruenze, innanzitutto per il numero esiguo di tamponi eseguito. Li abbiamo richiesti dal 17 marzo, ne sono stati effettuati a stento 8 solo il 14 aprile ed attendiamo ancora il risultato di un nominativo testato. L’insufficienza del sistema adottato e l’estrema lentezza ha provocato una serie ulteriore di problematiche per i soggetti sospetti nonché per l’adozione delle metodologie con cui affrontare tempestivamente la situazione. Solo per avere un termine di paragone delle difficoltà cui siamo soggetti confermo che dal 16 marzo ad oggi è presente lo stesso operatore sanitario per evitare si estenda il contagio all’interno e all’esterno della comunità alloggio anziani; un plauso le è dovuto per lo spirito di servizio che dimostra.
Con ciò non confermo una diminuita possibilità di contagio, anzi, proprio il contenimento del fenomeno, fors’anche dovuto alle misure adottate, impone il mantenimento delle precauzioni. Ricordo l’obbligo di circolazione con la mascherina (da indossare al volto, non si tiene in tasca) sul territorio comunale in presenza di altri soggetti (sempre con il mantenimento delle distanze) a seguito di ordinanza amministrativa e tutte le note norme di divieto emanate dalla Regione Piemonte e dal Consiglio dei Ministri. Chi pensasse si tratti solo di sciocchezze è pregato di osservarle ugualmente e con scrupolo, evitando di provocare le giuste e irritate reazioni del prossimo; c’è chi giornalmente lavora a stretto contatto con soggetti a rischio e merita stima, non disprezzo.
Lunedì scorso si è tenuto il mercato settimanale per la vendita dei soli generi alimentari per rispondere alle esigenze di chi ha minore mobilità ed in passato la decisione ha creato giusta polemica per il potenziale abbassamento delle barriere di protezione individuali; se ciò dovesse accadere e non bastasse l’obbligo di mascherine e transenne per evitare assembramenti e campanelli, sarà immediatamente sospeso.
Le mascherine giunte dalla Protezione Civile ed acquisite in buona parte con donazioni sono state confezionate la settimana scorsa e la distribuzione terminerà oggi o nei prossimi giorni; ne stiamo attendendo ancora una esigua quantità a saldo dell’ordinazione, circa 600 esemplari, che non dovrebbe tardare ad arrivare, dogane permettendo. In ogni caso, oltre a queste ultime, faremo luogo in seguito ad una ulteriore consegna di mascherine artigianali di cui è ancora attiva la produzione casalinga. La distribuzione come detto non è ancora terminata ed alcuni, involontariamente, dal sottoscritto sono stati esclusi al passaggio della vettura per la consegna, me ne scuso e rimedieremo; al contempo qualcuno ha dichiarato non averla ricevuta nonostante fosse stata consegnata. Alcune confezioni contenevano anche guanti; la distribuzione è avvenuta sino ad esaurimento degli esemplari ricevuti in donazione, non ve ne erano a sufficienza per garantire la piena soddisfazione di tutti i silvanesi.
I buoni spesa a favore dei soggetti in difficoltà, di cui abbiamo demandato la gestione al Consorzio dei Servizi Sociali di Ovada, sta proseguendo, anche questa sino ad esaurimento e la platea degli interessati si sta ampliando. Il sostegno economico si abbina alla distribuzione dei pacchi alimentari promossa da sempre dalla Parrocchia di San Sebastiano e San Pietro e la Caritas; i generi di prima necessità saranno tra pochi giorni distribuiti agli aventi diritto seguendo un percorso di tracciabilità trasparente per evitare negligenti inosservanze dei criteri di erogazione del servizio.
Nel corso della mattinata del 25 aprile, mentre si stava predisponendo il pubblico prelievo di sangue promosso dalla delegazione di Cassine della CRI (che ha ottenuto apprezzamento e consenso), la Commissione di Vigilanza ASL AL, nell’ambito del piano di azioni aziendale per l’emergenza contagio nelle strutture residenziali ha effettuato un sopralluogo presso la Comunità alloggio per anziani. Lo scopo era la verifica del piano di gestione e la formulazione di eventuali indicazioni integrative; la visita si è conclusa con il giudizio positivo espresso dai rappresentanti la commissione che ha valutato ed apprezzato strutturazione ed organizzazione del servizio e dello sforzo compiuto dall’operatore sanitario presente.
Sempre nel corso della mattinata una ristretta delegazione in rappresentanza dell’amministrazione si è recata presso il monumento ai caduti in piazza De Gasperi per rendere riservato omaggio alla celebrazione del 75imo anniversario del 25 aprile.
Nel corso del pomeriggio della stessa giornata abbiamo avuto l’intervento dell’esercito, il 32imo Reggimento Genio Guastatori della Brigata Taurinense di Fossano che ha provveduto alla completa sanificazione dei locali della comunità alloggio (sebbene fosse già stata eseguita parzialmente in precedenza), cui è seguita la zona antistante e l’ambulatorio medico come richiesto.
Infine nel corso della mattinata di ieri si è avuta l’incolpevole prolungata presenza di una pattuglia dei C.C. a seguito di un disguido provocato da una errata comunicazione relativa all’accesso della Commissione di Vigilanza ASL AL che era già intervenuta in precedenza sabato 25 aprile senza scorta di forze dell’ordine al seguito come ritengo sia doveroso. L’episodio, oltre a suscitare le rimostranze del sottoscritto, ha dimostrato il limite organizzativo e strutturale della gestione emergenziale del Covid19; si è rilevata l’impotenza di tante ottime e disponibili risorse umane che non trovano risposte adeguate alla loro potenziale espressione e capacità, frenate da un gigantesco apparato burocratico amministrativo che si rivela datato e inefficiente.
Grazie per l’attenzione
Pino Coco

COMUNICAZIONE DELL’ AMMINISTRAZIONE COMUNALE – PASQUA 2020.

Pasqua 2020.
L’Amministrazione comunale formula gli auguri di Buona Pasqua a tutti: alla comunità, alle istituzioni, agli enti, alle associazioni, agli operatori sanitari, alle forze di polizia e di pubblica sicurezza, alle persone che ad ogni titolo si misurano con questo nuovo flagello planetario.
È stata messa in moto una macchina grandiosa e complessa, non esente da pecche ed anomalie, ed anche nel nostro minuscolo centro abbiamo provveduto per quanto possibile a fornire aiuto e disponibilità, ben consapevoli delle nostre mancanze e ristrettezze.
Vorremmo comunque fosse chiaro il messaggio di non recarsi nei luoghi affollati o comunque a rischio, ad esempio ritrovarsi in compagnia a San Pancrazio, o lungo le rive del Piota, od in altri luoghi all’aperto dove per tradizione si consumano le ore serene della Pasqua e del Lunedì dell’Angelo con amici.
Quest’anno dovrà essere diverso e contenuto, lo esige il buon senso, e approfitto di questo sito per rivolgere un appello forte e chiaro alle forze dell’ordine non solo perché redarguiscano, ma sanzionino pesantemente coloro che non comprendono la gravità del momento.
Con loro si è stabilito un programma di interventi per monitorare la situazione sul territorio; dovremo restare a casa e dovrà essere un sacrificio condiviso per non vanificare i timidi progressi registrati sul contenimento dei contagi.
Questa Pasqua la ricorderemo anche per le tante sensibilità dimostrate, ultima in ordine di tempo, oltre le donazioni ricevute e i tanti messaggi e atti di vicinanza, la spontanea collaborazione ricevuta dalla delegazione di Novi Ligure della Croce Rossa Italiana.
Ci hanno fatto dono di uova pasquali per i più anziani che sono state distribuite nella giornata di ieri ed anche se non abbiamo potuto raggiungere tutti come avremmo voluto, rappresentano un piccolo ma estremamente gradito segno di una solidarietà vera che rinfranca.
Restare a casa non è una scelta, è un dovere e dobbiamo rispettarlo.
Per l’amministrazione, Pino Coco.