PADRE DIONISIO (GIOVANNI MAZZUCCO) – RICHIESTA DOCUMENTAZIONE.

Giovedì 6 dicembre 2018 è stata presentata la causa di beatificazione alla Curia Vescovile di La Spezia di Padre Dionisio.
Alla figura del frate cappuccino, al secolo Giovanni Mazzucco, nato a Silvano d’Orba l’8 marzo 1907 e spentosi a La Spezia l’8 gennaio 1990, l’amministrazione ha successivamente dedicato, nel corso del decennio seguente, la titolazione della corte di Via Fontana.
Come d’uso, per i religiosi che indossano il saio, la presenza nel luogo natio (a soli dodici anni entrò nel seminario dei Cappuccini a Cornigliano) è molto rarefatta ed occasionale. Oltre ai primi anni di vita in famiglia, egli infatti ebbe modo di frequentare altre e diverse località, rafforzando la sua vocazione, manifestando appieno le sue qualità spirituali, oratorie e misericordiose, stabilendo progressivamente rapporti di reciproca stima e fiducia all’interno dell’Arsenale dove fu incaricato quale cappellano per il personale civile, in una fase storica, l’immediato dopoguerra, molto delicata e contrastata.
Il processo di beatificazione non a caso è stato avviato da un comitato di fedeli spezzini, memori del contributo che ha offerto alla popolazione durante il suo servizio pastorale, estimatori della sua umanità e dell’opera che ha dedicato agli umili ed in particolare all’infanzia abbandonata e debole.
Per diverso tempo, oltre alle diverse tappe dove è stato destinato dall’Ordine ed alle innumerevoli vicende e traversie vissute, ricoprì l’incarico di cappellano con particolare fervore ed attività, andando oltre il ruolo affidatogli ed avvertendo le tensioni ed il fragile tessuto sociale istituì la “Casa del Fanciullo” e fondò il “Sorriso Francescano”, riscuotendo la stima e la simpatia di tutta la città.
Per tale ragione, pure a distanza di trent’anni dalla scomparsa, è molto venerato nella città ligure e nel circondario ed è ricordato con caloroso affetto.
Il fautore del comitato, Marcello Scolari, è ora alla ricerca di materiale fotografico e documentale riguardante il periodo di vita silvanese di Padre Dionisio, che sarà utile corredo a tutte le altre iniziative a carattere religioso e laico che accompagneranno il processo di beatificazione.
Siamo quindi ad appellarci alla buona volontà di tutti coloro che detengono foto sue e dei suoi famigliari, della casa natia, di documenti, che abbiano conoscenza di fatti, circostanze e atti, che possono rivelarsi utili a porre in luce ogni sua qualità.
Siamo lusingati che il nostro paese abbia dato i natali a Padre Dionisio e possa svolgere attivo in questo delicato compito; siamo altrettanto certi dello sforzo collettivo che seguirà per creare un archivio dati e fotografico adatto alla circostanza.
Per ogni chiarimento l’Amministrazione Comunale è a disposizione e si farà parte diligente per la consegna del materiale al Comitato spezzino.
Si ringrazia per la collaborazione.

DICHIARAZIONE STATO DI MASSIMA PERICOLOSITA’ INCENDI BOSCHIVI.

Dal 6 febbraio sarà in vigore in tutto il Piemonte lo stato di massima pericolosità per gli incendi boschivi: lo ha dichiarato la direzione Opere pubbliche, Difesa del suolo, Protezione civile, Trasporti e Logistica della Regione sulla base delle indicazioni fornite dal Centro funzionale di Arpa Piemonte.

Per la prevenzione degli incendi si ricorda che è fondamentale prestare la dovuta attenzione e il rispetto delle regole richiamate nel provvedimento.

I divieti

Nei periodi di massima pericolosità sono infatti vietate, entro una distanza di cento metri dai terreni boscati, arbustivi e pascolivi, le azioni determinanti anche solo potenzialmente l’innesco di incendio, quali: accendere fuochi, accendere fuochi pirotecnici, far brillare mine, usare apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli, usare apparati o apparecchiature che producano faville o brace, fumare, disperdere mozziconi o fiammiferi accesi, lasciare veicoli a motore incustoditi a contatto con materiale vegetale combustibile o compiere ogni altra operazione che possa creare comunque pericolo mediato o immediato di incendio; è vietata qualunque generazione di fiamma libera non controllabile nel tempo e nello spazio.

Le violazioni dei divieti e l’inosservanza delle prescrizioni comportano l’applicazione di sanzioni amministrative da un minimo di euro 200 a un massimo di euro 2.000, oltre alle sanzioni penali.

Le segnalazioni

Tutti i cittadini possono difendere il territorio in caso di incendio segnalando tempestivamente al numero unico di emergenza 112 anche le prime avvisaglie di un possibile incendio boschivo.

Fornendo informazioni il più possibile precise si contribuisce in modo determinante nel limitare i danni all’ambiente, consentendo a chi dovrà operare sul fuoco di intervenire con tempestività, prima che l’incendio aumenti di forza e di capacità distruttiva.

Il Sistema antincendi boschivi della Regione Piemonte è attualmente pienamente operativo e la cessazione dello stato di massima pericolosità sarà stabilita dalla Regione quando termineranno le condizioni meteorologiche di rischio.

RIMOZIONE PIANTE DIVELTE E TAGLIO DI QUELLE PERICOLANTI NEGLI ALVEI FLUVIALI.

In riferimento alle recenti precipitazioni e considerato quanto disposto dalla Determina Regionale n. 4297 del 16/12/2019,  l’Amministrazione Comunale di Silvano d’Orba intende autorizzare sui corsi d’acqua demaniali e quelli iscritti alle acque pubbliche la rimozione delle piante divelte e il taglio di quelle pericolanti al fine di evitare il ripresentarsi di danni e per ridurre il pericolo per la pubblica incolumità in caso di nuovi eventi metereologici significativi.
L’Amministrazione Comunale di Silvano d’Orba darà la possibilità a tutti i Cittadini che lo desidereranno di eseguire la rimozione e raccolta del materiale legnoso previa compilazione di apposito modulo predisposto dalla stessa.
I corsi d’acqua interessati dalla presente comunicazione sono  Torrente Orba,  Torrente Piota,  Rio Cremosino e Rio Freddo.
Si riporta modello da compilare e consegnare preventivamente all’Ufficio Tecnico del Comune di Silvano d’Orba.